CONTATTACI0421.276795
0421.271091
EMAILufficio@consorziosavo.it
info@pec.consorziosavo.it
ORARILun-Ven: dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30
Sabato 08.30 - 12.30
COME RAGGIUNGERCIVedi la mappa

News

  |   News

CRONOTACHIGRAFO DIGITALE: ARRIVA IL NUOVO REGOLAMENTO

La Gazzetta Ufficiale Europea L60 del 28 febbraio 2014 ha pubblicato il Regolamento UE 165/2014 del 4 febbraio 2014, che aggiorna la normativa comunitaria sui cronotachigrafi digitali per camion e autobus.

È entrato in vigore il 1° marzo 2014, anche se, entro un anno, la Commissione Europea dovrà emettere provvedimenti attuativi.

Lo scopo del nuovo Regolamento è rendere gli apparecchi più sicuri contro le manomissioni, permettere maggiori controlli, ma anche semplificarne l'istallazione e l'utilizzo.

L'Unione Europea ha deciso di rinnovare le norme sulla costruzione e gestione dei cronotachigrafi digitali, che sono obbligatori sui veicoli industriali sopra le 3,5 tonnellate e sugli autobus in tutti i Paesi dell'Unione, con lo scopo di rendere gli apparecchi più sicuri contro le manomissione, permettere maggiori controlli, ma anche semplificarne l'istallazione e l'utilizzo.

Questo Regolamento favorisce soprattutto il contro proprio, specialmente nell'ambito dell'installazione e manutenzione di impianti e apparecchiature.
Viene infatti introdotta una nuova esenzione dall’apparecchio per i veicoli con massa non superiore a 7,5 tonnellate, che trasportano materiali, macchinari o attrezzature necessari al conducente per esercitare la sua professione, ma entro un raggio di 100 km dal luogo in cui si trova l’impresa e a patto che la guida stessa non sia l’attività principale del conducente.


La Commissione Europea è vincolata dalla norma ad applicare alcune innovazioni tecnologiche come:

- obbligo di sensori di peso nei veicoli industriali;

- presenza di un rilevatore di posizione satellitare nei cronotachigrafi al fine di contribuire ai controlli effettuati dagli agenti, è dunque necessario disporlo;

- sistema di verifica a distanza dei dati del cronotachigrafo per intensificare i controlli sulle ore di guida e di riposo. Il regolamento, in questa circostanza, puntualizza che non saranno emesse sanzioni in modo automatico;

- utilizzo di interfacce standard per permettere la comunicazione con altri apparecchi informatici e telematici.
In merito a quest’ultimo punto, gli strumenti di nuova generazione dovranno semplificare l’interpretazione dei dati memorizzati nel cronotachigrafo, al conducente.

Sempre nel Regolamento, vengono affrontati i tempi relativi all’omologazione e revisione dei cronotachigrafi, e si approfondisce la responsabilità delle imprese di autotrasporto nell’utilizzo dei cronotachigrafi da parte degli autisti.

Viene chiarito infine, che le imprese "sono responsabili per le infrazioni del presente regolamento commesse dai loro conducenti o dai conducenti sottoposti a loro disposizione"; anche se i singoli Stati possono limitare tale responsabilità ai casi in cui l'azienda non ha fornito un'adeguata formazione o specifiche istruzioni sul rispetto delle ore di guida e dei tempi di lavoro.

REGOLAMENTO EUROPEO 165/2014 SUL CRONOTACHIGRAFO DIGITALE"