CONTACT US0421.276795
0421.271091
EMAILufficio@consorziosavo.it
info@pec.consorziosavo.it
OPENING TIMEMon-Fri: from 08.30 to 12.30 and from 14.30 to 18.30
Saturday 08.30 - 12.30
HOW TO REACH USSee the map

News

  |   News
UN PROGETTO AVVENIRISTICO PER CHI LAVORA SULLE 4 RUOTE

UN PROGETTO AVVENIRISTICO PER CHI LAVORA SULLE 4 RUOTE

Un progetto avveniristico per chi lavora sulle 4 ruote

L’impegno del Consorzio S.a.v.o. di Portogruaro nello sviluppo del polo logistico del Veneto orientale.
A Portogruaro (Ve), città crocevia per i grandi trasporti su gomma per l’Italia e l’Europa, n dal 1987 il Consorzio S.a.v.o. (gestione servizi autoparco Veneto orientale) ore una gamma innita di servizi per supportare il faticoso lavoro degli autotrasportatori.

Gli aderenti, ad oggi circa 160 aziende, sia piccoli trasportatori spesso monoveicolari, sia grandi aziende italiane e europee con otte di diverse centinaia di automezzi, nell’area del consorzio, possono innanzitutto rifornirsi di carburante a prezzi decisamente inferiori a quelli di mercato.

“Quest’anno abbiamo erogato oltre 7 milioni e mezzo di litri di carburante - dice il presidente Giovanni Bellomo -, facendo risparmiare cifre ragguardevoli, tanto che anche grandi realtà come le associazioni FaiService e l’austriaca Diesel24 aderiscono al consorzio per offrire ai loro iscritti la possibilità di rifornirsi a prezzi vantaggiosi.

Abbiamo anche una forte impronta ecologista. Stiamo lavorando su un progetto che prevede l’installazione di un impianto che eroga G.n.l., propellente meno costoso del gasolio di circa il 30%, che inoltre riduce di circa il 50% le emissioni di fattori inquinanti.
L’azienda Landi ha sviluppato un dispositivo che installato sui veicoli li rende bifuel, adatti all’alimentazione sia a gasolio sia a metano trasformato in G.n.l.
Questo vuol dire che con un investimento davvero esiguo i vecchi veicoli euro2 o euro3 diventerebbero automaticamente euro6 e potrebbero essere alimentati a G.n.l.”. Il consorzio è impegnato anche sul fronte della sicurezza e del comfort dei trasportatori. A breve sarà completamente asfaltata l’area di sosta per rendere più agevole la permanenza. L’area attualmente è sorvegliata sia con telecamere, sia con un servizio di vigilanza, per garantire la sicurezza nelle ore notturne e di riposo. Inne a breve saranno installate colonnine elettriche per collegare i sistemi di refrigerazione degli automezzi che trasportano derrate alimentari, senza la necessità di mantenere acceso il motore nelle ore di sosta.
Questo abbasserebbe l’inquinamento atmosferico ma anche quello acustico, rendendo più confortevole la sosta.
Nell’area del Consorzio S.a.v.o. gli utenti possono già contare su una serie di servizi qualicati come per esempio ocina, elettrauto, carrozzeria industriale e gommista, autolavaggio automatizzato con operatore e self-service per il lavaggio di ogni tipo di automezzo industriale, dotato di pista assistita per camion di lunghezza no a 18 metri e larghezza massima di 4,95 metri.

Sono inoltre attive convenzioni per l’acquisto di pneumatici e lubricanti, assicurazioni e molti altri benet. Il consorzio S.a.v.o. e tra i promotori del ‘Progetto Terzo Polo’ volto a sviluppare la logistica e l’intermodalità nel Veneto orientale, in sinergia anche con le attività delle limitrofe aree del Friuli Venezia Giulia.

Il progetto, di enorme interesse per tutta la comunità europea, oltre al Consorzio S.a.v.o., vede la partecipazione del Comune di Portogruaro come capola il Comune di Fossalta di Portogruaro, oltre a Interporto Portogruaro, Fondo Spazio Industriale per Eastgate Park e Polins. “Oltre i nostri interventi di ammodernamento, la società Interporto di Portogruaro si sta accingendo all’ampliamento dei piazzali e dell’allungamento dei binari che rientrano in questo ambizioso progetto - dice il presidente -, in prospettiva del quale si sta anche lavorando per la realizzazione del servizio citylogistics per la distribuzione delle derrate alimentari con mezzi ecologici sulle cittadine del nostro litorale.
Nell’area ex Eastgate Park, ci sono le strutture già pronte per creare la città del freddo.

I grossi mezzi scaricherebbero qui le loro merci che verrebbero poi distribuite da piccoli mezzi meno inquinanti.
Dunque un progetto importante che dovrebbe essere a regime nel 2016, dal quale sicuramente darà sviluppo ed occupazione”.